1972

sottotitolo

STEFANO RICCI S.p.A., società leader nell’abbigliamento maschile di qualità, viene fondata dal designer fiorentino Stefano Ricci e dalla moglie Claudia, che determinano nel "100% fatto in Italia" la propria filosofia. Appassionato di cravatte, Stefano Ricci decide di realizzare i primi modelli poco più che ventenne.

1974

Cravatte fantasia astratta con geometrie Stefano Ricci

Stefano Ricci trasforma il ruolo della cravatta, da accessorio a protagonista del guardaroba maschile.
Le sue creazioni sono accolte con entusiasmo, fin dal debutto a Pitti Uomo, dai più importanti department store internazionali come Neiman Marcus e Harrods.

Davanti alla richiesta di primari gruppi, negli anni 70 presenta la prima collezione di camicie ed entra nel segmento alto di fascia con la piccola pelletteria.

1986

sottotitolo

Stefano Ricci decide, con un selezionato numero di colleghi, di costituire un consorzio che rafforzi la presenza di Firenze e Pitti Uomo come punto di riferimento irrinunciabile per la moda maschile a livello internazionale. Il nome scelto “Classico Italia” diventa in breve un sigillo di garanzia per produzioni realizzate esclusivamente in Italia. Il designer sarà eletto presidente per tre mandati, realizzando un’area dedicata alle collezioni ed eventi di livello.

1990

Negli anni '90, Stefano Ricci ha progressivamente ampliato la propria collezione per l’uomo, includendo, capospalla, completi, maglieria, sportswear e calzature. Ha sviluppato una produzione di articoli in pelle esclusiva e, seguendo l'antica tradizione orafa fiorentina, ha creato una collezione di gemelli e di fibbie preziose utilizzando oro, platino, diamanti, zaffiri e altre gemme.

1993

sottotitolo

Dopo aver consolidato la presenza negli Stati Uniti con il proprio showroom a New York, Stefano Ricci decide di aprire il primo negozio monomarca. Con questa determinazione inizia il percorso di affermazione del brand a livello globale. La città scelta è Shanghai, con una visione strategica sul futuro della Cina, in anticipo rispetto ai tempi. Un’avventura pioneristica che nel corso di pochi anni porta grandi risultati.

1997

sottotitolo

Per celebrare i primi 25 anni di attività, Stefano Ricci decide di lanciare la prima fragranza del brand. 
 Dopo anni di ricerca, in occasione di Pitti Uomo viene presentato il profumo maschile “Classic”, con una serata riservata a 300 ospiti alle Terme Tettuccio di Montecatini. E’ l’inizio di un nuovo capitolo nelle proposte della società, che vede l’affermazione di varie fragranze, dalla linea  “Royal Eagle”, fino al recente “Ruthenium”. 

2005

Aquila con completo Stefano Ricci

Viene istituito l’emblema del brand: l'Aquila Reale. La scelta dell'aquila è un tributo alla rappresentazione iconica di molti popoli ed simbolicamente legato ai valori propri della Maison: HONOUR, POWER e PRIDE. Il brand e l’emblema Stefano Ricci campeggiano sulle vetrine di MonteCarlo, Beverly Hills, Beijing, Porto Cervo, Xi’an, Moscow, New York e Paris. 

2009

Affermatosi nel mondo per l’esclusività del design e l’assoluta qualità, Stefano Ricci decide di estendere la propria creatività al concetto stesso di luxury lifestyle. Nasce SR HOME che propone serviti di porcellana e cristalli molati a mano, argenteria realizzata secondo la tradizione artigianale, biancheria di lusso e accessori per la casa.

2010

sottotitolo

Nel più ampio contesto di SR HOME si inserisce un importante investimento, che completa la gamma dei prodotti STEFANO RICCI. Fedele ai valori della tradizione manifatturiera e alle radici del territorio, la società acquista l’Antico Setificio Fiorentino, storica seteria che produce ininterrottamente dal 1786 tessuti per le famiglie più importanti del mondo usando ancora oggi antichi telai a mano.

2011

STEFANO RICCI viene invitato a inaugurare la Settimana della moda di Mosca, con una sfilata davanti a 2500 ospiti. Nello stesso anno la società decide di unificare le varie produzioni in un unico polo  e apre la nuova sede a Fiesole, sulle colline di Firenze. Nella sede originaria viene sviluppata la linea di sartoria che prevede, come per ogni reparto, l’affiancamento a un maestro artigiano di un giovane, per tramandare i segreti delle lavorazioni.

2012

sottotitolo

STEFANO RICCI celebra il 40° anniversario di fondazione con una sfilata nella Galleria degli Uffizi, prima e unica nella storia del più importante museo d’Italia, decidendo di donare alla città di Firenze la nuova illuminazione della Loggia dei Lanzi.

Panfilo Stefano Ricci

Contestualmente il brand lancia sotto SR HOME, la SR Luxury Yacht Division, progettata per soddisfare le esigenze di una clientela entusiasta di Mega-Yachts.

2013

sottotitolo

Come parte della strategia di tutela e valorizzazione del patrocinio culturale, che lega 
STEFANO RICCI al proprio territorio d’origine, la società finanzia il restauro dei preziosi volumi sulle antiche Arti fiorentine medievali custoditi presso l'Archivio di Stato di Firenze, concretizzandone anche il piano di digitalizzazione.

2014

sottotitolo

Nominato Cavaliere del Lavoro, Stefano Ricci viene chiamato alla guida del Centro di Firenze per la Moda Italiana, la più antica istituzione a livello nazionale, proprietaria di Pitti Immagine. Il designer fiorentino organizza le celebrazioni del “Firenze Hometown of Fashion” e dona alla propria città la nuova illuminazione del Ponte Vecchio, con uno spettacolo acquatico in Arno e la performance del Maestro Andrea Bocelli, davanti a 25.000 persone.

2015

Stefano Ricci in campagna collezione Toscana

Il brand esprime una nuova fase di creatività con il lancio delle linee “STEFANO RICCI in Campagna”, ispirata alla Toscana e, della collezione “STEFANO RICCI SKI”, che unisce eccellenti prestazioni hi-tech ad un’eleganza artigianale.

Stefano Ricci collezione sci

2016

Viene lanciata la SR JUNIOR Collection con la serata esclusiva "Nel nome del Figlio" al Museo dell’Opera del Duomo. La nuova linea che esprime i valori inalterati di interamente fatto a mano in Italia è un patto generazionale che unisce padri e figli. La linea SR JUNIOR conquista Harrods e vede l’apertura di boutique dedicate.
Stefano Ricci geometrie della natura

STEFANO RICCI presenta alla stampa internazionale il nuovo Catalogo SR al Vittoriale degli Italiani, tributo all’Arbiter Elegantiarum Gabriele d'Annunzio. Nato come Geometrie della Natura, il Lookbook della SR si è sviluppato quale “Tributo all’arte” – Uffizi, Magritte, Vettriano e Gruau -, per poi raccontare la Grande bellezza italiana: Castello di Sammezzano, Antico Setificio Fiorentino, Stibbert, Matera capitale europea della cultura, Mugello Circuit, Castello di Balbo e Isola di Montecristo.

Stefano Ricci completo da barca

2017

sottotitolo

Stefano Ricci  celebra il 45° anniversario di fondazione, con una sfilata-evento nella Sala Bianca di Palazzo Pitti. Riconosciuta storicamente come luogo della prima sfilata del Made in Italy nel 1952, questa prestigiosa sede era stata interdetta alle manifestazioni di moda dal 1982. 

Nello stesso anno, STEFANO RICCI consolida la SR HOME con il lancio della linea di Arredo in occasione del Salone del Mobile di Milano.

2018

Sigaro Cubano Stefano Ricci Opus X

Nel 2018 la società ha siglato un accordo con Arturo Fuente per la realizzazione del sigaro Opus X – STEFANO RICCI, un ulteriore elemento che esalta la leadership del brand nel luxury-lifestyle.

OGGI

Fondata nel 1972 STEFANO RICCI si è trasformata da piccola azienda di manifattura familiare in un gruppo internazionale di lusso, con 600 dipendenti in tutto il mondo (tra produzione rigorosamente italiana e retail) e sede centrale sulle colline di Fiesole estendendosi su più di 9.000 m2.

Stefano Ricci – fondatore, presidente e designer – è affiancato nella gestione del brand eponimo dalla moglie Claudia e dai figli, Niccolò (CEO) e Filippo (Direttore Creativo). STEFANO RICCI è riconosciuto nel mondo come modello di puro Family business. La famiglia è costantemente impegnata nel portare la moda italiana ed il suo stile inconfondibile all’estero, con 68 boutique mono-brand, che includono Flagshipstores nelle capitali di tutto il mondo, oltre a 19 shop-in-shops.

E la storia continua...